lunedì 18 marzo 2013

Io odio

Nel social network è approdata la modalità dell' "io odio". Finora si davano opinioni su quanto  piaceva o si condivideva, ma pareva preclusa l'espressione esplicita del dissenso. D'ora in poi avremo la possibilità di socializzare il nostro odio attraverso l' app per iPhone ed altri dispositivi. Che ve ne pare?
Perché non approfittare allora di questo blog per dire la vostra?
IO ODIO...

9 commenti:

  1. Io odio.....tante cose! No, credo che adesso odio molto quando nel lavoro mi chiedono informazione, ma quando comincio a parlare se ne vano via senza ascoltare oppure salutare...

    RispondiElimina
  2. Sarà forse l'abitudine a comunicare con e attraverso macchine che induce all'impoverimento dei rapporti umani?

    RispondiElimina
  3. Odio la frase "non è giusto!" quando pensiamo che abbiamo soltanto diritti ma no obbligazioni

    RispondiElimina
  4. cosa dire..la lista è lunga, anzi lunghissima!
    Se dovessi dirne una direi la cattiveria gratuita.
    leire

    RispondiElimina
  5. Io non sopporto questa crisi, i politici che ci rubbano in faccia e la gente che ride y ci fa gesti osceni, odio la gente con i cani che fanno la cacca per strada e non guardano quello che fanno, mi vergogno dell'ipocresia della chiesa e di questo nuovo papa che dicono trasformera l'istituzione ma alla fine restera sempre uguale. Sono stufo di non nominare le cose per il suo vero nome, di parlare sempre con correzione e non poter dire quello che si pensa malgrado ti chiamino brontolone. Sono fin sopra i capelli dei salti in tv, della gente che non ha niente da dire, dei comici che non fanno ridere, sono veramente arrabbiato per lavorare e guadagnare una miseria e non vincere mai la lotteria, non mi piacciono i cani sulla metro e neanche i loro latrati. Non sopporto i tori in tv neppure quelli che vanno a applaudire la morte di un animale dal vivo e nemmeno quelli che portano i bambini alla “corrida“. Non sopporto tante cose che alla fine non so se e stata una buona idea scrivere tante cose che non sopporto, sarebbe bello avere un'oportunita di dire tutto quello che amiamo. Lancio l'idea a chi la voglia prendere

    RispondiElimina
  6. Arantza Álava3 aprile 2013 08:22

    La scorsa domenica passeggiavo per la montagna, intanto guardavo i verdi prati, i fiori silvestri, i loro colori risplendenti, gli alberi con i loro ancora piccoli rami... insomma guardavo la vita, la primavera. "Non c'è niente di meglio della primavera, il risveglio della natura, degli esseri vivi. Mi piace da morire!!!" pensai. Subito dopo aver avuto questo pensiero, ne ebbi un altro che riguardava il rovescio della medaglia. "Odio che un giorno tutto finisca, che esista la morte e che questa sia la fine di tutto, ecco odio che dentro la morte non ci sia un apice di primavera". L'odio è un sentimento estremo che logora chi lo prova. È vero l'odio c'è, esiste e secondo me non bisogna reprimerlo ma dargli il giusto spazio, il giusto sfogo, cioè bisogna imparare a gestirlo così il legame che nasce fra noi e quello che odiamo non riuscirà a farci male e sarà sempre più debole, altrimenti l'odio provoca altro odio, e a ben pensarci addirittura può darsi che dopo la morte ci sarà un'altra primavera. Chissà...

    RispondiElimina
  7. Io odio... le persone che dicono di sì a tutto e dicono di fare i loro obblighi... Purtroppo il tempo mostra che non fanno nulla, ed alla fine ci si è costretta a fare le loro impegni perché non c'è nessun altro...

    RispondiElimina
  8. Forse dovremmo davvero raccogliere l'invito di uno dei nostri collaboratori a dire quel che amiamo. Io, ad esempio, amo che la gente partecipi ad un dialogo aperto, come può essere questo blog, e colga mille altre occasioni di comunicazione.
    grazie per le vostre preziose collaborazioni.

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti!
    Io oddio l'attitudine ad inquadrare uomini e donne in base agli stereotipi di genere e ai relativi pregiudizi.

    Susana G. B2

    RispondiElimina