giovedì 18 aprile 2013

SOSTENEVA TABUCCHI


Antonio Tabucchi
Dopo poco più di un anno dalla scomparsa dello scrittore pisano, ma si potrebbe dire di adozione portoghese, pubblichiamo qualche informazione che speriamo vi risulti interessante.
Iniziando dall'intenso romanzo Tristano muore, vi proponiamo questo interessante commento, in cui l'autore viene presentato come " appassionato testimone civile del degrado dell’Italia nel ventennio berlusconiano".
A proposito della sua eredità stilistica, si possono leggere le considerazioni dell'amica Adriana Petri in un'intervista rilasciata al settimanale L'Espresso.
La letteratura, per Tabucchi, è sempre stato un mezzo per esprimere le proprie inquietudini, come bene riassume quest'altro articolo pubblicato sul quotidiano La stampa.
Per ultimo, vi proponiamo un programma intitolato Elogio della letteratura, a cui partecipa lo scrittore.
Speriamo che le proposte vi risultino stimolanti, perché possiate inviarci i vostri commenti su quanto conoscete di lui, su quanto avete letto e le impressioni che ne avete ricavato.




3 commenti:

  1. Finora non sapevo molto di Lui...quindi grazie mille per i "links" interessantissimi.Mi sembra che sia non solo un grande scrittore ma un artista anche.
    In ultima analisi un libero - pensatore!
    Baci baci
    Judith

    RispondiElimina
  2. Arantza Álava24 aprile 2013 14:31

    Pur amando l'Italia, sognava in portoghese e portava Parigi nel cuore e nella mente. Antonio Tabucchi era un viaggiatore, un uomo di mondo. A un'anno dalla sua morte, le sue incertezze forse sono sparite e dovunque si trovi la sua anima, forse è riuscita a raccogliere ed a ordinare le briciole della sua vita (una delle sue tante paure) ed a capire il segreto delle cose che non vanno. A me ha regalato un sacco di bei momenti con i suoi scritti e tuttora continua a farlo. Riposi in pace Antonio.

    RispondiElimina
  3. Da quando ho cominciato a imparare l'italiano ho avuto l'ocassione di leggere divirsi libri in versione originale e non so cosa abbia Tabucchi, ma vi posso garantire che nessun libro mi é sembrato cosí stupendo come "Sostiene Pereira".

    Col passare del tempo, molti dei libri che leggiamo cadono nel dimenticatoio, ma in qualche modo sono sicura che "Sostiene Pereira" rimarrá per sempre nel mio pensiero.

    RispondiElimina