sabato 5 maggio 2012

abusi e soprusi


Non è una novità che i tagli ai posti di lavoro continuino a colpire molte persone e che il grado di disperazione della gente comune sia sempre più elevato. Basti vedere l'elevato numero di suicidi degli ultimi tempi. Ma come è possibile che nemmeno i sindacati siano in grado di attuare la benché minima opposizione a tale politica di abusi e soprusi? Ne troviamo un'analisi interessante sul quotidiano Il manifesto, dove potrete postare i vostri commenti e leggere quelli di altri lettori e lettrici. Ma non dimenticate di farci avere la vostra opinione.

6 commenti:

  1. Purtroppo è una realtà che colpisce di più in più persone e la disperazione aumenta ogni giorno, però non si parla mai di numero di suicidi...
    Dobbiamo essere forte davanti l'avversità e soprattutto dobbiamo rimanere insime come persone...
    Baci Judith

    RispondiElimina
  2. Forse è proprio come dice Judith. La con-divisione potrebbe ridurre la disperazione che colpisce sempre più i senzalavoro e i senzatetto.
    Da noi si deice che l'unione fa la forza.

    RispondiElimina
  3. La situazione è veramente insostenibile ed è difficile riuscire a vedere un po' di luce anche se l'esperanza è l'ultima a morire... ma cosa sarà di noi giovani?
    Riusciremo mai ad avere una nostra famiglia o semplicemente un futuro decente?
    Spero solo che arrivino tempi migliori...

    RispondiElimina
  4. Me lo auguro anch'io Leire. Anche perché partendo dal timore o addirittura dal panico di trovarsi senza mezzi di sostentamento, non si fa che demoralizzarsi.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo, ci commuovono di più le lacrime di chi perde una partita di calcio che quelle di chi perde il lavoro e la stima in se stesso.

    RispondiElimina
  6. Arantza Álava15 maggio 2012 12:58

    La scorsa settimana ho ascoltato un'intervista dove un vecchietto e noto regista di cinema, confermava di credere ancora alla bontà. Ammetto che io ci credo sempre di meno, per cui davanti a quest'affermazione mi sono sentita colpita, e ho cominciato a pensarci. Nonostante questi ultimi tempi siano così "brutti", ci producano una sensazione di angoscia e di incredulità e risulti difficile credere alla bontà dell'essere umano, ancora ce n'è qualcuno in grado di crederci. Penso che sia molto importante avere fiducia nella bontà altrui per continuare a vivere, sì, soprattutto perché questa fiducia è una testimonianza della propria bontà.

    RispondiElimina